dicembre 28, 2017 News Nessun commento

Non desta sorprese il rinvio di fine anno del SISTRI: lo sancisce la Legge di bilancio 2018  (Legge 27 dicembre 2017, n. 205) che fa slittare la piena entrata in vigore del SISTRI e delle relative sanzioni al 31 dicembre 2018.

Ma la consueta proroga quest’anno presenta anche delle novità, tra cui l’introduzione di un nuovo articolo nel Testo Unico Ambiente (D.lgs 152/2006): il 194-bis sulla “Semplificazione del procedimento di tracciabilità dei rifiuti”. Tra le facilitazioni introdotte segnaliamo la possibilità di trasmettere via PEC la quarta copia del formulario. Vengono inoltre stabilite delle procedure con cui il Ministero dell’Ambiente potrà rivalersi su chi è, o è stato insolvente per quanto riguarda il versamento del contributo annuale al SISTRI.

Ricordiamo che i soggetti obbligati all’iscrizione al SISTRI sono gli enti e imprese che producono rifiuti speciali pericolosi con più di 10 dipendenti.

Written by Admin