dicembre 14, 2015 News Nessun commento

Dal 1 gennaio 2016 dovrebbero entrare in vigore le sanzioni legate al Sistri (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti), più volte rimandate. Attualmente le uniche sanzioni operative sono quelle legate alla mancata iscrizione al Sistri per i soggetti obbligati (aziende con più di 10 dipendenti). Parallelamente all’avvio delle sanzioni dovrebbe diventare operativo anche un “nuovo Sistri”, riformulato e semplificato per incontrare le esigenze e le richieste delle aziende che operano nel comparto rifiuti.
Il Ministero dell’Ambiente e Tutela del territorio e del Mare ha incaricato a giugno 2015 la Consip ad indire una gara per la concessione della gestione del Sistri. La gara d’appalto procede ad un ritmo molto lento: le lettere d’invito spedite alle imprese candidate come concessionarie sono partite soltanto a fine novembre e ad oggi il Ministero deva ancora ricevere le proposte in risposta agli inviti. Senza contare il tempo necessario per le fasi di progettazione, sviluppo, realizzazione e collaudo del nuovo sistema che la nuova concessionaria dovrà implementare.
A sole due settimane da quella che doveva essere una data rivoluzionaria per gli operatori del settore rifiuti, possiamo quindi prevedere che non ci sarà nessun nuovo Sistri dal 1 gennaio 2016 ed è concreta l’ipotesi di un nuovo Decreto Milleproroghe che faccia slittare ulteriormente le sanzioni legate al Sistri.

Written by Admin